L’abbandono dei cani, i bei versi in pugliese e italiano di Filippo Favia

Posted by

L’estàte arrìve…

L’estate arrìve
e u problème se rennòve…
Oggne ianne, chiàne chiàne,
la domànde iè sèmme chèdde…
“Addò allassàme cusse cane?”
“Papà… acchiàme na penziòne!”
“Seee… Tenìme tanda spèse…
E, cu viagge che amá fà,
manghe nu suvenìrre uè accattà?
Ca pò, u cane nèste,
mìche iè de razze!
No vvogghe a strusce tanda terrìse
pe nu pepazze!”
U cane sènde e, ammesuàte,
pènze, tutte abbattùte…
“Pepazze iì?
Ndemène… a cusse punde sim’arrevàte?
E, acquànne non “d’acchiàve a le cunde”,
ci t’ha conzolàte?
Ci t’ha ffatte chembaggnì vecìne o litte
acquanne stìve male
e avìv’assùte dò dì apprìme do spetàle?
Non zò de razze…iè cosa vère,
ma u-amòre mì iè singère…”
A nu cèrte punde, u cane s’acquattèsce
e ppènze a ce ccose pote ièsse pure pèsce…
“U vère bastarde non zò iì…
U so capìte mò ca stogghe male,
mò ca mi sì allassàte sope a stà tangenziàle!”
(Filippo Favia) (IU7GXL)

——————————————————————————

L’estate arriva… (traduzione)

L’estate arriva
ed il problema si rinnova…
Ogni anno, piano piano,
la domanda è sempre quella…
“Dove lasciamo questo cane?”
“Papà…troviamo una pensione!”
“Seee… Abbiamo tante spese…
E, con il viaggio che dovremo fare,
nemmeno un souvenir vorresti comprare?
Che poi, il nostro cane,
non è mica di razza!
Non vado a spendere tanti soldi
per un pupazzo!”
Il cane sente e, rattristito,
pensa, tutto abbattuto…
“ Pupazzo io?
Nientemeno…a questo punto siamo arrivati?
E, quando avevi “problemi economici”,
chi ti ha consolato?
Chi ti ha fatto compagnia vicino al letto
quando stavi male
ed eri uscito due giorni prima dall’ospedale?
Non sono di razza…è cosa vera,
ma il mio amore è sincero…”
Ad un certo punto, il cane si acquatta
e pensa a cosa potrebbe essere anche peggio…
“Il vero bastardo non sono io…
L’ho capito adesso che sto male,
adesso che mi hai lasciato su questa tangenziale!”
(Filippo Favia) (IU7GXL)

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *