Allevare un Coniglio Nano

Posted by

NANOAffettuoso, simpatico, dolce e semplice da allevare, SONO LE CARATTERISTICHE PRINCIPALI del coniglio nano,che in breve tempo ne hanno fatto uno degli animali da compagnia più diffusi dopo il cane ed il gatto.La sistemazione ideale per il nostro piccolo amico consiste in una gabbia priva di fondo grigliato (responsabile di lesioni alla cute delle zampe) e sufficientemente ampia. Le gabbie migliori hanno un fondo di plastica, facile da pulire e di conseguenza molto igieniche. Esistono anche apposite lettiere per conigli e roditori. che vanno sostituite quotidianamente, dopo aver lavato il fondo con acqua calda e disinfettante ed averle risciacquate accuratamente. Sono invece da evitare i trucioli di segatura e lettiera per gatti. La gabbia andrà sistemata lontano da correnti d’aria e collocata in ambienti non umidi e possibilmente lontano da televisori e antenne. Una corretta alimentazione è alla base del successo dell’allevamento del coniglio nano. Oltre ad un alimento secco consigliato dal veterinario, l’animale deve sempre disporre di cibo fresco: via libera a mele, gambi di finocchio, carote ed insalata (preferendo la parte solida, la cosiddetta “costa”) e sedano. I vegetali devono essere lavati con cura e ben asciugati. Per variare la dieta vanno bene anche Pane secco, biscotti e grissini. Non devono essere somministrati: i cereali che non consentono all’animale di limare i denti ed essendo ricchi di amido possono essere causa di fermentazioni anomale del contenuto intestinale, e responsabili di gravi patologie come l’enterotossiemia. Un alimento fondamentale per il coniglio nano, invece, è il fieno, da lasciare a disposizione tutti i giorni insieme all’acqua fresca e pulita. Infine, una volta a settimanalmente si può somministrare del succo di ananas per facilitare il transito intestinale. Le principali vaccinazioni consigliate per i conigli nani sono quelle volte a debellare due temibili malattie infettive: la mixomatosi e la malattia emorragica virale. Il tipo di vaccino e la cadenza con cui verrà praticato dipendono dalle situazioni epidemiologiche; sarà quindi cura del Veterinario fornire le informazioni necessarie. Inoltre è consigliabile sterilizzare il nostro piccolo amico al fine di tenera a bada il problema della marcatura del territorio e l’aggressività, nei maschi mentre nelle femmine è una profilassi contro le malattie del sistema riproduttivo e contro i tumori.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *